Translate

2/27/11

wwm crafts: i cubi di legno per Ziggy

Il giorno che mia sorella è andata in ospedale per dare alla luce quel vitellino di mio nipote, è stato lungo.
Per lei è stata un'odissea e per me da lontano è stato difficile.
Avevo da parte dei cubi di legno che avevo preso con non molte idee in testa e per sfogarmi mi sono messa all'opera.
Avevo deciso di fare dei cubi da bambino con il suo nome. Ho raccolto un po' di carta diversa: 4 sfondi differenti, più un disegno diverso fatto a mano per e il sesto lato con la lettera. Le lettere le ho prese da un foglio di adesivi con l'alfabeto, che ho messo su carta colorata di sfondo.
Bisogna organizzare bene come porre i disegni per non sbagliarsi con i lati ed evitare ripetizioni.
Quindi, dopo aver tagliato i quadratini, li ho posizionati in fila.
Ho fatto tutto su carta da forno come avevo letto su un sito.
Materiali: cubi di legno (non mi ricordo la dimensione), carta colorata, lettere, disegni o qualsiasi cosa si voglia mettere sui cubi, colla vinilica per decoupage, pennello di spugna e spray/vernice fissativa, carta vetrata fine (io ho usato una 100) per rifinire i bordi.

Una volta disposti i quadrati di carta e i cubi in fila si procede con un lato alla volta. Mettere un lieve strato di colla sul cubo e poi la carta, aspettare che si asciughi pochi secondi e poi passare la colla sopra i disegni. Senza esagerare. Meglio due passate molto leggere che una pesante.
Io non sono un'esperta di decoupage, anzi forse questo è il mio secondo lavoretto in assoluto, quindi se avete dei suggerimenti o degli appunti siete i benvenuti.

Procede su tutti i lati lasciando asciugare molto bene per non fare pasticci.
Io ho dovuto ritagliare un po' i bordi della carta una volta incollata e poi con carta vetrata si possono definire meglio i bordi e arrotondarli un po' per renderli più omogenei.



L'ultimo lato (quello dove finora avete lasciato appoggiato) fatelo quando tutti gli altri sono ben asciutti.
LImate i bordi e passata lo spray o la vernice fissante e lucidante.
Et voilà!




un regalino personalizzato e semplice da fare.
Il mio ha anche una piccola dedica per il mio amore Leonardo.
Non sono proprio dei cubi per giocare e sicuramente non da far mettere in bocca ai bambini, E' più decorativo.
E a Natale li ho messi sopra ad una torta fatta di pannolini.
La prossima volta vi faccio vedere come si fa che è proprio un bel regalo da fare per un bimbo in arrivo!

11 comments:

  1. Troppo carini!! Devo provarli anche io :)

    ReplyDelete
  2. sono la prima a commentare dall'italia...(6.30am), wow!
    davvero una bella idea e...tra l'altro tuo nipote si chiama come mio figlio! ti seguo spesso, quando leggo i post su tua madre mi si stringe il cuore e mi viene voglia di salire sul primo volo per venire ad abbracciarti. Sei una brava figlia, scusa se mi sono permessa. debbie

    ReplyDelete
  3. davvero una bella idea sono venuti proprio bene, sì facci vedere la torta perchè è un regalo che volevo fare ma non ci osno riuscita ad impilarli e ho desistito

    ReplyDelete
  4. Littl: :-)

    debbie: grazie mille! e comunque con mia madre, ovviamente come di solito succede, oggi come se niente fosse successo...è così, solo che la lontananza spesso amplifica le emozioni!
    grazie per quello che scrivi e per seguirmi!!!

    ReplyDelete
  5. bellissimi!
    concordo,sei una brava figlia.
    aggiungo:una brava mamma,una brava sorella,una brava zia,ed un'amica brava e attenta.
    mi ha fatto piacere che qualcuno si sia accorto dell'enorme silenzio radio! :O)

    ReplyDelete
  6. Sei una zia dolcissima col piccolo Leonardo e sono sicura che anche se siete distanti, crescendo lui si renderà conto che siete sempre lì con lui! Ed è questo quello che conta, sapessi quante zie vicine e indifferenti ci sono...
    Tornando ai cubetti invece sono molto carini e forse nemmeno così complicati da decoupare pure per un'imbranata come me!

    ReplyDelete
  7. infatti l'ho pensato: la lontanana amplifica le emozioni, l'ho vissuto anche io con mia madre quando ero a milano (lei a roma) e facevo l'assistente di volo e mi mancava da morire. Una frase del libro di M. Mazzantini, Venuto al mondo, dice: "tieni un capo del filo, con l'altro capo in mano correrò per il mondo e se dovessi perdermi tu, mammina mia, tira". Ogni volta che la ripeto mi metto a piangere perché parla di qualcosa che ho conosciuto anche io

    ReplyDelete
  8. Bellissimi!!
    Sono solo decorativi, vero?

    ReplyDelete
  9. Grazie mich, 190.arch e bismama!!
    Si sono decorativi con tutta quella colla...non so forse esiste un modo per farli anche utilizzabili dal bambini, usando magari materiali non tossici. Non lo so ma magari cerco!

    ReplyDelete

Grazie!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...